Trasferirsi in Australia

L’Australia sta diventando sogno e meta di molti italiani. Ogni anno partono più di 50 mila italiani con l’obiettivo di trasferirsi in Australia.

La maggior parte delle persone inizia questa avventura con il visto turistico, per farsi un’idea di cosa vuol dire vivere dall’altra parte del mondo; oppure con un visto working holiday che permette di viaggiare, lavorare e studiare; infine con un visto studente, l’opzione più abbordabile per chi ha superato i 31 anni.

Trasferirsi in Australia definitivamente non è proprio facile e spesso non è un processo immediato: le leggi australiane sono piuttosto severe in termini di immigrazione e non sempre si hanno tutte le carte in regola per un visto permanente.

indice

Trasferirsi in Australia: come fare

Innanzitutto è fondamentale scegliere la destinazione: Sydney e Melbourne sono le città più gettonate, due metropoli sul mare con una qualità della vita molto alta e tante opportunità di lavoro e divertimento. Ma non bisogna sottovalutare la tropicale Brisbane, l’elegante Adelaide e Perth, in forte espansione economica.

La scelta della città dipende da tanti fattori, non solo dal tipo di lavoro, ma anche dallo stile di vita che cerchi. Sicuramente nelle grandi città non ci si annoia mai, ma l’Australia è bella e famosa proprio per gli spazi aperti e incontaminati, quindi vivere sul mare, lontano dalle metropoli è l’ideale se ami stare in mezzo alla natura e praticare sport. C’è anche da dire che più l’area è remota (o regional come si dice qui in Australia) e più facile sarà trovare opportunità di sponsor e di lavoro, proprio perché c’è meno concorrenza.

Il visto

Le possibilità per ottenere un visto per l’Australia sono infinite. Il visto turistico si può fare direttamente in agenzia di viaggi e dura da un minimo di tre mesi ad un massimo di un anno, con la possibilità di viaggiare, studiare e organizzare incontri e colloqui, ma è assolutamente vietato percepire una paga o uno stipendio. Il working holiday visa è il visto vacanza-lavoro per chi ha meno di 31 anni, dura un anno, lo puoi richiedere da solo e puoi rinnovarlo di un altro anno, a patto di aver lavorato per 88 giorni in area regionale. Lo student visa è l’ideale per chi vuole studiare in Australia e chi ha superato i 31 anni.

Just Australia è specializzata in visti studenti, fornisce un servizio di assistenza gratuita e ha accordi con scuole di ogni tipo in tutta l’Australia e per questo garantisce prezzi convenzionati. Per tutti gli altri tipi di visto, come lo sponsor e lo skilled visa è sempre meglio richiedere una consulenza con un agente di immigrazione per capire se hai effettivamente tutti i requisiti, che di solito sono un buon livello d’inglese, almeno tre anni di esperienza nel tuo e un diploma o una laurea sempre nello stesso campo.

Il volo

Le compagnie aree per volare in Australia non mancano. Emirates, Thai Airways, Etihad, Qantas e Qatar Airways sono molto utilizzate. Su Skyscanner e Kayak si possono trovare molte offerte, spesso anche le agenzie di viaggio, contrariamente a quanto si pensi, propongono prezzi molto competitivi.

Alloggiare in Australia

E’ sempre meglio avere già un posto dove andare a dormire per le prime notti, (un ostello se hai un budget ridotto e vuoi conoscere gente da tutto il mondo oppure un albergo se cerchi tranquillità e indipendenza) per poi cercare con calma una sistemazione più definitiva. Se vuoi puoi chiederci un consiglio su dove dormire in Australia oppure prenotare una stanza negli ostelli e studenti convenzionati con Just Australia! Se vuoi fare da solo, ti consigliamo una ricerca su Booking.com

Studiare l’inglese in Australia

Se il tuo livello d’inglese è scolastico, l’ideale è frequentare un corso (anche breve) per poter integrarsi più velocemente possibile, conoscere nuovi amici e avere più opportunità di lavoro. L’inglese è fondamentale per potersi integrare al meglio in Australia e trovare un lavoro ben retribuito. L’australiano poi è una lingua a sé e all’inizio si fa un po’fatica a capire un accento a cui non si è abituati, quindi meglio rinfrescare la memoria con un corso. Per informazioni e promozioni sui corsi d’inglese in Australia chiedi pure a Just Australia!

trasferirsi in australia

Alcuni consigli per trasferirsi in Australia

Dopo qualche settimana di ostello arriva il momento di capire qual è il quartiere più comodo in base alle tue esigenze di studio di lavoro, ma anche quello più adatto al tuo stile, quello insomma dove ti senti più a casa.

Sbrigare le prime pratiche appena arrivati è sempre una buona idea, per toglierti subito questa incombenza. Per lavorare ci vuole un codice fiscale australiano (tax file number), un conto in banca, una sim telefonica australiana e anche un curriculum redatto secondo gli standard australiani. Passa nel nostro Infopoint di Melbourne per ricevere assistenza gratuita!

Devi mettere in conto che i primi giorni, perfino le prime settimane, saranno necessarie per ambientarti. Poi anche il jet lag fa la sua parte, quindi durante i primi giorni, potresti far fatica ad addormentarti, oppure svegliarti all’alba e comunque sentirti un po’ stanco. Poi le prime settimane serviranno per esplorare il luogo che hai scelto, darti alla burocrazia, alla ricerca della casa e del lavoro e semplicemente ambientarti.

Trasferirsi in Australia per lavoro

Molte persone partono con l’idea di trasferirsi in Australia per sempre. Ma l’ideale prima di prendere una decisione così radicale è provare a vivere in Australia, per migliorare l’inglese, vivere un’esperienza all’estero e capire se l’Australia è il posto giusto per te! E’ importante non avere fretta e fissarsi degli obiettivi, in particolare sul fronte lavoro.

All’inizio è fondamentale cercare un lavoro da poter iniziare immediatamente. Il lavoro della tua vita, probabilmente, lo troverai dopo qualche mese o persino qualche anno. Nei primi tempi, a parte pochi fortunati, la maggior parte delle persone cerca e trova lavoro nella ristorazione e nelle costruzioni. Questo perchè è estremamente facile andare sul posto a chiedere se hanno bisogno di una mano da subito. Meglio presentarsi di persona che inviare migliaia di email e cercare solo lavoro online. In Australia ci sono anche molte agenzie di collocamento e a dire la verità funzionano bene e non costano nulla per chi cerca lavoro.

Bisogna inoltre considerare che noi italiani arriviamo in Australia con un livello d’inglese scolastico o intermedio. Quindi nell’attesa di migliorare la lingua, l’ideale è trovare un lavoro nel settore della ristorazione. Anche perchè gli australiani sono molto interessati a figure professionali che possano vantare esperienza in questo settore. Chi meglio di un pizzaiolo italiano sa come fare la pizza?

Una volta migliorato il proprio livello d’inglese e fatta un po’ di esperienza di lavoro in Australia (è fondamentale poter contare su qualche referenza dei datori di lavoro precedenti) se sei alla ricerca del lavoro della tua vita, puoi buttarti sui vari siti e motori di ricerca e non sottovalutare una consulenza con un agente di immigrazione, per capire quali sono i requisiti della tua categoria e ordine professionale in Australia. Spesso è necessario far riconoscere i propri titoli di studi ed esperienza. Se poi ti vuoi trasferire definitivamente la consulenza diventa indispesanbile per capire meglio le tue chance in termini di visti.

Trasferirsi in australia

Trasferirsi in Australia sopra i 50 anni

L’Australia è una meta molto ambita non solo dai giovani che amano viaggiare, ma anche da chi ha qualche anno in più. Di fatto l’Australia è una terra di grandi opportunità, ma spesso l’età è un limite. Superati i 50 anni si può pensare di venire in Australia per un’esperienza temporanea, per migliorare il proprio livello d’inglese o per qualificarsi, ma bisogna considerare che il Dipartimento d’Immigrazione potrebbe guardare con sospetto la richiesta di uno student visa da parte di un over 50 e quindi richiedere ulteriore documentazione prima di approvare il visto. Spesso sia per questa situazione che per trasferirsi in Australia da pensionato potrebbe essere necessario rivolgersi ad un agente di immigrazione.

Trasferirsi in Australia con la famiglia

Partire in gruppo è una bella esperienza, soprattutto per i bambini e i ragazzi che fin da piccoli hanno la possibilità di migliorare il livello d’inglese, allo stesso tempo crescere in un paese multi-etnico, a misura di bambino, con chilometri e chilometri di parchi, tante attività all’aria aperta e uno stile di vita molto sano. Dall’altro bisogna considerare che partire in famiglia può essere molto costoso, soprattutto per chi per necessità o scelta parte con lo student visa. In questo caso meglio rivolgersi a noi per una consulenza personalizzata, perché ogni caso è a sé.

Contattaci