Vado a vivere in Australia: Camilla racconta come ha aperto la sua attività!

Solare, dinamica, volenterosa: Camilla Pozzobon è sicuramente una ragazza da ammirare! In pochi anni è riuscita a ottenere uno sponsor in Australia, poi un visto permanente e ora, grazie al suo duro lavoro, è riuscita ad aprire la propria attività. Curiosi di sapere come ha fatto? Ecco la sua storia.

Da quanto tempo ti trovi in Australia?

Quasi sei anni ormai (come vola il tempo!).

Cosa ti ha spinto a venire fin qui?

L’idea di viaggiare, di scoprire luoghi lontani. Che dire, l’Australia è il Paese “lontano da tutto” per eccellenza. Poi me ne sono innamorata, e ho deciso di rimanere.

Che cosa hai fatto finora in Australia?

Sono arrivata qui con un Working Holiday Visa che mi ha permesso di viaggiare e lavorare allo stesso tempo. Essendomi data da fare nelle farm, ho ricevuto anche un secondo WHV, per cui ho continuato a viaggiare e a lavorare. Poi, nel salone in cui lavoravo mi hanno chiesto di rimanere con lo sponsor e ho accettato! Ho dovuto svolgere l’esame d’inglese e preparare un bel po’ di documenti. Quindi sono rimasta lì finché non ho preso il visto permanente. Da lì ho iniziato a lavorare più da casa che in salone, fino a che non sono diventata completamente indipendente!

Di cosa ti occupi e qual è il tuo progetto?

Io sono una parrucchiera! Ho iniziato a lavorare in un salone cinque anni fa e allo stesso tempo ho cominciato a esercitare anche a casa (la maggior parte delle mie clienti all’epoca era italiana, ovviamente!). Dopo ho deciso di fare qualcosa esclusivamente per conto mio, gestire le mie giornate lavorative, i miei orari, i miei appuntamenti. In questi anni sono cresciuta moltissimo, la mia clientela è aumentata e ho deciso quindi di aprire il mio! Adesso lavoro a casa, nella mia seconda camera! L’ho allestita con le attrezzature, i colori e i prodotti che mi servono. Nel frattempo, tante mie amiche mi hanno aiutato a farmi pubblicità e ho aperto anche una pagina Instagram dove pubblico i miei lavori. Al momento sono specializzata in tagli femminili classici, soprattutto sui capelli lunghi: non amo molto tagliare i capelli corti o realizzare acconciature sopra le righe!

Quali sono i passi da seguire per lavorare come parrucchiera in Australia (anche da casa)?

Come prima cosa bisogna aprire un ABN (la partita IVA australiana), per lavorare da casa ed essere in regola. Per aprirlo ho chiesto consiglio a chi lo avesse fatto prima di me e ho consultato il sito del governo australiano. Ma in generale si tratta di un’operazione di pochi minuti! Poi è necessario investire un po’ di soldini nelle attrezzature (come il lavatesta). Come terza cosa, è importante avere una pagina Instagram dove mostrare i propri lavori, magari inserendo dei video o delle foto “prima e dopo”. Quindi non resta che spargere la voce!

È stato difficile aprire la tua attività?

È stato difficile all’inizio, quando lavoravo in salone. Essendo impegnata tante ore non avevo tempo da dedicare a me stessa, alla mia attività e alla mia pagina Instagram. Dal momento in cui mi sono licenziata ho avuto molto più tempo e da lì è stato tutto più facile.

Pensi che l’Australia sia il posto giusto per realizzarsi dal punto di vista professionale?

Assolutamente sì. Parlo ovviamente dal mio punto di vista: se siete parrucchiere e volete venire in Australia, sappiate che tutto è possibile! Potete crescere professionalmente sia lavorando da casa che in negozio. Anche in Italia è possibile, sia chiaro. Ma io per esempio non avrei avuto l’opportunità di aprire lo studio a casa, perché nel nostro Paese non è legale neanche con partita IVA.

Che consiglio puoi dare a chi come te sogna di trasferirsi in Australia?

Partite, subito. Più giovani siete meglio è!

Contattaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

©Just Australia 2019